A cosa serve lo splintaggio ai denti

20/09/2018

splintaggio denti

 

Lo splintaggio per fermare la mobilità dei denti

Splintaggio non è certo una parola di uso comune. Si usa infatti per indicare una procedura applicata in campo dentistico. Ma, quindi, a cosa serve lo splintaggio ai denti? 

A cosa serve lo splintaggio ai denti

Lo splintaggio è una tecnica che permette di stabilizzare la posizione dei denti a conclusione di una cura ortodontica. 

Si esegue mediante un filo che viene fissato sulle superfici interne dei denti interessati. Di norma si impiega un filo metallico oppure un nastro composto da fibra di vetro e resina biocompatibili. Tale aggiunta di materiali permette di ottenere una maggiore stabilità e solidità. 

Il posizionamento più comune è da canino a canino, dato che sono i denti che tendono a muoversi maggiormente, non essendo contenuti dalle arcate come i molari.

Quando si utilizza

Lo splintaggio dentale serve per ottenere il mantenimento di un risultato raggiunto, in sostituzione o anche in combinazione con apparecchi rimovibili. 

È noto infatti come i denti tendano a muoversi. I risultati ottenuti tramite una cura ortodontica devono quindi necessariamente essere consolidati affinché durino nel tempo. 

Solitamente si impiega in caso di 

  • Contenzioni post-ortodontiche, ovvero tutti quei casi nei quali è necessario attivare un processo di immobilizzazione che permetta la stabilizzazione dei denti ed evitare che tornino alla posizione originaria. Un classico caso è la fase dopo aver portato un apparecchio fisso.
  • Malattia parodontale. Dopo aver effettuato il trattamento della piorrea, lo splintaggio ha la finalità di mantenere la stabilità dei denti. 

 

Durata dello splintaggio

Lo splintaggio viene applicato per far sì che i denti non si spostino e, al fine di raggiungere un risultato stabile e duraturo, lo si porta per un periodo determinato.
Mediamente in ortodonzia sono necessari uno o due anni per raggiungere un risultato ottimale. 
Le tempistiche possano variare notevolmente da paziente a paziente, alla luce della cura effettuata, dell’entità della motilità dentaria e anche dall’età del paziente. 

Gli adolescenti per esempio raggiungono più rapidamente la stabilità ossea al termine di una cura ortodontica. Nei pazienti adulti il processo è invece più lento.

Vi sono poi casi in cui è consigliato mantenere lo splintaggio per tutta la vita. Pazienti che presentano problemi di instabilità occlusale o di parodontite (piorrea) hanno probabilità molto alte di una recidiva della mobilità dentale. In tali circostanze, sarà lo specialista a valutare ed adottare la soluzione migliore. 


La prima fase

In questa prima fase è fondamentale mantenere lo splintaggio pulito, passando per bene sia lo spazzolino che il filo interdentale o lo scovolino, a seconda dei consigli dell’ortodontista e dell’igienista dentale. È inoltre opportuno sottoporsi almeno due volte l’anno ad una seduta di igiene professionale.

Il mantenimento dello splintaggio

Per un mantenimento ideale dello splintaggio bisogna appunto rispettare tutte le norme basilari di igiene dentale, senza paura che il filo si stacchi. Questa è un’eventualità possibile ma con una percentuale di incidenza minima, che si abbassa ulteriormente quando vi rivolgete ad un centro altamente specializzato. 

Qualora comunque il filo si dovesse staccare, o desse fastidio, la prima cosa da fare è contattare l’ortodontista e fissare un appuntamento. A volte bastano pochi giorni perché i denti si muovano. Un intervento tempestivo risulta quindi auspicabile.

Anche nel raro caso in cui, nonostante il filo sia ben fissato, si noti che i denti si stanno comunque spostando, dovete contattare immediatamente l’ortodontista, affinché possa intervenire al più presto e sistemare lo splintaggio. 

La seconda fase

Solo in una seconda fase, quando vi sarà la certezza che i denti siano stabili, lo splintaggio si potrà sostituire con una mascherina o placchetta removibile

Adattarsi allo splintaggio

Lo splintaggio non comporta particolari problemi di adattamento. Di norma i pazienti vi si abituano in maniera rapida, senza riportare alcuna ripercussione, sia essa estetica, fonetica o di motilità e comfort. 

Ricordiamo nuovamente l’estrema importanza che riveste l’igiene orale quotidiana, oltre che i periodici controlli dallo specialista e dall’igienista affinché lo splintaggio sia mantenuto nella maniera ottimale. 

Se hai dubbi o richieste, o desideri prenotare un controllo per il tuo splintaggio, contattaci allo 049 723413. Ti sapremo fornire tutte le informazioni necessarie.