É possibile prevenire la piorrea con l’alimentazione?

20/04/2015

 

Piorrea- acidi grassi per prevenire
La Stampa (Blog) – ‎26/ott/2010‎ -

Gli acidi grassi polinsaturi per prevenire la parodontite
Assumere cibi ricchi di acidi grassi polinsaturi come il pesce e l’olio di pesce può essere un mezzo di prevenzione del processo infiammatorio a carico delle gengive e dell’alveolo che causa la caduta dei denti….
Link

 

Commento a cura del Prof. Marco Finotti

 

Premesso che l’argomento trattato nell’articolo riguarda il campo dello studio e della sperimentazione, è possibile affermare che i principi contenuti in alcuni alimenti possiedano proprietà antiinfiammatorie e che la loro azione possa esplicarsi in modo positivo e generalizzato anche in caso di infiammazione parodontale.E’ bene tuttavia specificare che l’assunzione di particolari sostanze alimentari (in questo caso di acidi grassi polinsaturi) potrebbe mostrare la propria efficacia soprattutto a livello di prevenzione della piorrea o malattia parodontale.

Sebbene le proprietà contenute in determinati alimenti possano contribuire a prevenire o alleviare lo stato infiammatorio di denti e gengive, non possono assolutamente vicariare o sostituire la cura specifica.

Il tartaro, causa principale delle infiammazioni gengivali nei pazienti affetti da piorrea,  non può essere raggiunto e colonizzato dai principi antiinfiammatori di origine alimentare, in quanto mineralizzato.

La carica batterica presente nella placca e nel tartaro può essere eliminata solo mediante un’azione meccanica professionale, durante le sedute di igiene o di eventuale currettaggio (levigatura radicolare) effettuabili presso un centro odontoiatrico di fiducia, specializzato nella cura della malattia parodontale.

In conclusione, l’assunzione di specifici alimenti può contribuire in modo positivo a prevenire ed eventualmente contrastare lo stato infiammatorio nei pazienti affetti da piorrea, ma non può essere considerata un metodo di trattamento sostitutivo alla cura odontoiatrica professionale.