Tasca parodontale – Parodontite

03/08/2015

 

La tasca parodontale o gengivale è una formazione patologica, manifestazione  dello stato infiammatorio parodontale.

Placca batterica e tartaro tendono ad accumularsi all’interno del solco gengivale, ovvero il piccolo incavo, normalmente profondo dai 2 ai 3 millimetri, presente fra la superficie dentale e il margine gengivale.
Qualora placca e tartaro non vengano rimossi in modo corretto ed efficace dal solco gengivale, si produce una progressiva distruzione del tessuto epiteliale situato alla giunzione fra corona e radice del dente (giunzione amelo-cementizia o smalto-dentinale). Il ritrarsi di questo tessuto molle connettivo, provoca il graduale approfondimento del solco gengivale, e conseguentemente, la formazione di tasche parodontali.

Le tasche parodontali sono responsabili dell’annidamento e della proliferazione di batteri anaerobi (batteri in grado di svilupparsi in assenza di ossigeno): questi ultimi producono tossine che aggrediscono e danneggiano gradualmente i tessuti parodontali, ovvero i tessuti che sostengono l’elemento dentario (legamento parodontale, alveolo, osso e gengiva). Le gengive tendono a sanguinare e a ritirarsi esponendo le radici dentarie, mentre l’osso di sostegno si riassorbe progressivamente  fino a compromettere la stabilità stessa del dente.

Come abbiamo più volte sottolineato, la malattia parodontale può presentare per molto tempo un decorso subdolo e asintomatico, ritardandone in modo pericoloso la diagnosi. Analogamente, la presenza di tasche parodontali può risultare non manifesta. Soltanto una visita approfondita da parte di un odontoiatra parodontologo, è in grado di verificare il reale stato di salute gengivale di un paziente. Il sondaggio parodontale permette di verificare la presenza e la profondità di tasche gengivali attraverso l’utilizzo di una sottile sonda graduata, da inserirsi a livello sottogengivale in corrispondenza di ciascun dente.

In presenza di parodontite, una volta approfondita la diagnosi con ulteriori test parodontali ed eventuali analisi radiologiche, si procede a sedute di scaling e curettaggio (pulizia radicolare profonda e rimozione del tessuto molle presente nelle tasche parodontali).
Nei casi di malattia parodontale più avanzata, in presenza di tasche parodentali molto profonde, gli interventi routinari possono tuttavia dimostrarsi insufficienti per limitare il decorso patologico, rendendo necessari interventi chirurgici osseo- gengivali di tipo resettivo e rigenerativo.