L'allungamento della corona clinica

12/11/2014

L’allungamento della corona clinica é un intervento chirurgico volto a ristabilire una migliore proporzione fra dente e tessuto osseo e gengivale, a scopo terapeutico oppure semplicemente estetico.

In molti pazienti, la totalità dei denti, oppure soltanto alcuni elementi dentali, appaiono troppo “corti”: la loro lunghezza in realtà, è normale, tuttavia la parte visibile risulta ridotta, poiché ricoperta in modo eccessivo da osso e gengiva.

Quando ci si trova in presenza di denti molto compromessi a causa di traumi, carie o malattia parodontale, si rende necessaria una ricostruzione protesica di tali elementi, al fine di ottenerne il recupero. Tali ricostruzioni, si pensi ad esempio all’incapsulamento dentale (corona protesica) o al ponte, necessitano a loro volta di una superficie dentale visibile sufficientemente estesa perché trovino un appoggio, un pilastro adeguato alla loro realizzazione.

Nei pazienti che presentano un’eccedenza di tessuto osseo-gengivale rispetto alla parte visibile del dente, è indispensabile intervenire con il trattamento di allungamento della corona clinica, al fine di raggiungere tali obiettivi terapeutici.

Il “gummy smile” o sorriso “gengivale” può essere vissuto dal paziente anche come mero problema estetico. Anche in questo caso, è possibile ricorrere alla soluzione di allungamento della corona, al fine di ristabilire un nuovo equilibrio fra denti e superficie gengivale.

Come si realizza un intervento di allungamento di corona clinica?

Si tratta di un intervento di chirurgia plastica che permette di rimodellare il contorno osseo e gengivale. Attraverso l’apertura chirurgica del lembo gengivale, si elimina la quantità di tessuto osseo ritenuta necessaria e si ricontorna il tessuto gengivale attorno alla corona, elevandolo rispetto alla posizione di partenza.

L’allungamento di corona clinico, applicabile al singolo dente o all’intera arcata dentaria, permette dunque di aumentare la quantità di  superficie dentale esposta, allo scopo di ottenere i benefici estetici desiderati (una migliore armonia di proporzioni) oppure predisponendo in modo ideale gli elementi dentari alla successiva terapia ricostruttiva.