FUMO E MALATTIA PARADONTALE , CON I DATI ALLA MANO

01/06/2016

Da sempre il fumo e la presenza  della malattia paradontale vengono identificati come due fattori che possono compromettere, o ridurre in termini di durata, il buon esito di un impianto .

Basti pensare che, per quanto riguarda la garanzia sugli impianti  , la copertura viene ridotta del 50% per i pazienti fumatori.

L’unità Operativa di Odontoiatria- Università Vita Salute del  San Raffaele di Milano ha svolto un’analisi retrospettiva a 10 anni degli esiti di trattamenti implanto-protesici ( sistema win six) da dicembre 2005 a dicembre 2015.

 

 

 Sono stati valutati 3651 impianti posizionati in 1696 pazienti, ecco quanto emerso  : 1.97% è il dato relativo ai casi di fallimento.

72 impianti falliti

 19 erano stati posizionati in soggetti fumatori

39 in pazienti già colpiti da paradontite

 

 

Fumo e malattia paradontale sono fattori di rischio anche per la colonizzazione di batteri paradontopatici nelle zone vicine agli impianti .Da uno studio  dell’Università di Berna  è emerso ad oggi  che in soggetti fumatori e affetti da malattia paradontale la presenza di microrganismi quali Tannerella forsythia, Parvimonas micra, Fusobacterium nucleatum/necrophorum e Campylobacter rectu  è maggiore .

E’ attualmente in corso una ricerca per stabilire se vi sono associazioni tra la malattia paradontale e la carica di certi microbi associati alle patologie perimplantari.

 

Fonti: odontoiatria 33- Follow up Win Six Università Vita Salute San Raffaele