Rischio infarto: sotto accusa ibuprofene e diclofenac

19/09/2017

Ibuprofene e diclofenac, principi attivi di farmaci come Moment, Voltaren e Buscofen, possono aumentare del 55% il rischio di infarto.
Sono questi i risultati sconvolgenti di uno studio condotto dall’Università di Nottingham  e pubblicati sul quotidiano britannico The Guardian.
 

 

 

 

 

Lo studio ha coinvolto 9.218 pazienti che avevano precedentemente avuto un episodio di infarto prendendo inoltre  in considerazione vari fattori di rischio: età, malattie cardiovascolari diagnosticate, fumo.

I risultati hanno evidenziato che il rischio di incorrere in un attacco cardiaco era maggiore nei soggetti che avevano assunto questi farmaci nei mesi precedenti al loro episodio di infarto.
In particolare l’assunzione di ibuprofene aumenta del 24% il rischio di infarto mentre per il diclofenac il rischio aumenta del 55%.

Ecco la lista dei farmaci che contengono i principi attivi incriminati: Subitene, Momentdoll, Arfen, Brufen, Antalfort, Spidifen, Sinifev, Nurofen febbre e dolore bambini, Antalfebal bambini, Actavis,  Ginenorm, Cibalgina due fast, Momentact, Moment, Algofen, Antalgil, Calmine, Buscofen, Vicks flu-action, Nurofast, Fenadol, Dealgic, Deflamat, Voltfast, Algosenac, Ribex flu.